0

Francesco Barbi – blog | Io sono libero?

Io sono libero?

Ci ho pensato un po’ prima di decidere il “titolo” del blog. Ho scelto la cosa più semplice, più banale: Francesco Barbi – blog. Poi però ho visto che c’era la possibilità di inserire un “motto”, sì, insomma, qualcos’altro. E qui, senza tanto pensarci, mi è venuto “Io sono libero?”, con il punto interrogativo però. “Io sono libero” è il titolo (provvisorio) del mio ultimo libro, il romanzo a cui al momento sono più vicino; ma in questo contesto, senza il punto interrogativo, mi pareva un po’ megalomane. E poi col punto interrogativo mi pare una buona domanda.

Mi è sempre capitato di interrogarmi sui titoli che sceglievo per i miei libri. Credo che siano tutti molto autobiografici, particolarmente legati al mio vissuto personale. Mi sembra, insomma, che in modo più o meno consapevole io sia sempre finito “dentro” ai titoli dei miei romanzi.

L’acchiapparatti” rappresenta quella parte di me che, al tempo, era chiusa in una torre diroccata, serva e fedele seguace della propria immaginazione, che acchiappava ratti di mestiere. Quel matto del villaggio che mi sta tanto simpatico. E a cui sono tanto grato. “Il burattinaio” è uno dei protagonisti del mio secondo libro, una mente lucida e calcolatrice, dotata di grandi slanci. Che, prima che negli altri personaggi, è entrata dentro di me. “Marchi indelebili” non è ancora stato pubblicato, sebbene la sua genesi sia da ricercarsi… nella storia della mia infanzia. Ed eccoci al mio ultimo romanzo, quello a cui sto lavorando: “Io sono libero“.

Chiaro è che all’interno del romanzo si trovano tutte le buone motivazioni che mi hanno portato a scegliere questo titolo. Ma… io, Francesco Barbi, sono libero? Chissà che non lo scopra anche scrivendo su questo blog, o che per lo meno mi si chiariscano ancora un po’ le idee. Non intendo la Libertà con la L maiuscola, non voglio chiamare in causa il concetto e il significato di libertà, non voglio affrontare questioni filosofiche. Anche perché altrimenti risponderei candidamente “no, non sono libero”. Parlo di quella libertà che ha a che fare con il quotidiano, che ricade sul modo di porsi con gli altri, che ti permette di dire quello che pensi… O che si ripercuote sulle scelte di vita. Come quella di voler fare lo scrittore.

Intanto con quest’ultimo romanzo io mi sono sentito libero, libero di scrivere quel che volevo scrivere, senza compromessi.

P.S.: Ho creato la nuova pagina dedicata a “Io sono libero“. La trovate nella barra laterale, a destra, tra i “Progetti”.

There are 4 Comments to "Io sono libero?"

  • Psicomama scrive:

    Beh, mi sembra un ottimo inizio quello di sentirsi libero di scrivere quello che vuoi.
    E buono il proposito di essere libero qui con noi… Ambizioso anche.

    Interessante la riflessione sui titoli. Allora Zaccaria è la parte creativa di te stesso… che acchiappava ratti farneticando. La parte che è uscita dall’ombra mentre tu crescevi come scrittore. E hai preso i personaggi in mano facendoti Burattinaio.
    Allora adesso Zaccaria è libero…
    Sono curiosa di conoscere i personaggi in gioco ora.

    • Francesco Barbi scrive:

      Sì, direi che Zaccaria adesso è libero. Si è incarnato in un simpatico giovanotto con i dreadlocks. Un tipetto sveglio, che amerebbe senz’altro fumare la feldspina; anche lui un po’ superstizioso e dai pensieri originali, e, naturalmente, un po’ matterello.

  • MetaAquila scrive:

    Eccomi che torno. Io direi che per essere libero ci vogliono: un po’ di fortuna (per dove nasci, quando nasci, come fase storico politica intendo, e da chi) e poi soldi e salute: Cio’ premesso l’ingrediente fondamentale lo puoi trovare solo dentro te stesso, ed e’ la capacita’ di capire quello che vuoi e l’energia per realizzarlo.
    O no?
    Mamma come sono seria stasera. Altro che Meta … SupeAquila.

  • Lidia Perfinta scrive:

    Tornata anch’io in rete. Mi piace questo nuovo blog. E il titolo col punto di domanda mi pare azzeccato. Un buon inizio!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Per orientarsi

Pagine

  • Categorie

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Archivi

  • Tags

  • Meta

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e dunque non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001.
    Se un'immagine o altro pubblicato in questo blog dovesse in qualche modo violare le leggi del copyright, siete pregati di farmelo sapere tramite e-mail e io provvederò a rimuovere l'elemento o gli elementi in questione.

    Creative Commons License
    Questa opera è distribuita con Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.